1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

Separazioni e divorzi consensuali davanti all'Ufficiale di Stato Civile: procedimento

Informazioni generali

  • COSA E'/IN COSA CONSISTE: a partire dall'11 dicembre 2014 in alternativa alle procedure giudiziali previste dal codice civile in caso di separazione e dalla legge 898/1970 in caso di divorzio, è possibile per i coniugi, che intendano separarsi o divorziare consensualmente, negoziare tra di loro un accordo con l'assistenza di almeno un legale per parte o, se sussistono determinate condizioni, sottoscrivere tra di loro un accordo di separazione o di divorzio innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile. L'accordo, che sia raggiunto a seguito di negoziazione assistita da avvocati o che sia sottoscritto innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile, è equiparato ai provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio (vedi le specifiche nei paragrafi sotto). 
  • FINALITA':serve a semplificare i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio. 
  • DOVE RIVOLGERSI: rivolgersi all'Ufficio Demografia - Stato Civile.
  • A CHI PORTARE IL MODULO DI RICHIESTA:i moduli da utilizzare, a seconda della casistica che ricorre, vanno presentati all'Ufficio Demografia - Stato Civile (i moduli dovranno essere debitamente protocollati in arrivo).
  • CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO: l'accordo raggiunto a seguito della convenzione produce gli effetti e tiene luogo dei provvedimenti giudiziali che definiscono, nei casi previsti al comma 1 dell'art.6 del DL 132/2014, i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili del matrimonio, di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio. Nell'accordo si dà atto che gli avvocati hanno tentato di conciliare le parti e le hanno informate della possibilità di esperire la mediazione familiare. L'avvocato della parte è obbligato a trasmettere, entro il termine di dieci giorni, all'ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio fu iscritto o trascritto, copia, autenticata dallo stesso, dell'accordo munito delle certificazioni di cui all'articolo 5.

Separazioni e divorzi con l'assistenza dell'avvocato

  • L'articolo 6 del d.l. 132/2014 prevede la convenzione di negoziazione assistita da almeno un avvocato per parte per le soluzioni consensuali di separazione personale, di divorzio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.
  • Restano invariati i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio (tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi).
  • L'accordo deve essere munito di nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica:
  •  - in assenza di figli;
  •  - in assenza di figli minori;
  •  - in presenza di figlio maggiorenne autosufficiente non portatore di handicap grave;
  • L'accordo deve essere munito di un'autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell'interesse dei figli):
  •  - in presenza di figli minori;
  •  - di figli maggiorenni portatori di handicap grave;
  •  - di figli maggiorenni non autosufficienti;
  • Entrambi gli avvocati, una volta ottenuto il nulla osta o l'autorizzazione da parte del P.M. dovranno trasmettere l'accordo entro 10 giorni al comune di:
  • celebrazione del matrimonio in forma civile;
  • celebrazione del matrimonio in forma religiosa;
  • trascrizione del matrimonio celebrato all'estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero).
  • Potrà essere inoltrato da entrambi gli avvocati un unico accordo munito del prescritto nulla osta o autorizzazione da parte del P.M. utilizzando allo scopo il modello in allegato
  • L'accordo da inoltrare al Comune di Castelnovo di Sotto, potrà essere presentato dall'avvocato di persona,  via fax, per posta o via PEC a: info@pec.comune.castelnovo-di-sotto.re.it

Separazioni e divorzi innanzi all'ufficiale di stato civile

  • L'articolo 12 del d.l. 132/2014 prevede, a decorrere dall'11/12/2014, la possibilità per i coniugi di comparire direttamente innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune per concludere un accordo di separazione, di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.
  • L'assistenza degli avvocati difensori è facoltativa.
  • Competente a ricevere l'accordo è il Comune di:
  • celebrazione del matrimonio in forma civile;
  • celebrazione del matrimonio in forma religiosa;
  • trascrizione del matrimonio celebrato all'estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero);
  • residenza di uno dei coniugi.
  • Condizioni per la sottoscrizione dell'accordo
  • Tale modalità semplificata è a disposizione dei coniugi solo quando:
  • NON vi siano figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti (vengono considerati i figli di entrambi i coniugi e di uno solo di essi anche se nato al di fuori del matrimonio).
  • Inoltre
  • L'accordo non potrà contenere patti di trasferimento patrimoniale (es. uso della casa coniugale, l'assegno di mantenimento, ovvero qualunque utilità economica tra i coniugi dichiaranti).
  • Nell'accordo verrà unicamente indicato che si perviene alla separazione ovvero al divorzio.
  • Restano invariati anche in questa casistica i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio: tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi.
  • Le fasi dell'accordo: 
  • 1) prenotazione di appuntamento all'ufficio stato civile previa presentazione della dichiarazione sostitutiva di certificazione sottoscritta individualmente da ognuno dei coniugi (vedi allegati);
  • 2) il giorno dell'appuntamento entrambi i coniugi si dovranno presentare innanzi all'Ufficiale di Stato Civile e sottoscriveranno l'accordo di separazione o di divorzio; 
  • 3) l'Ufficiale dello Stato Civile deciderà poi con i coniugi una data per un nuovo appuntamento (da fissare oltre i 30 giorni dalla firma dell'accordo);
  • 4) nel giorno prestabilito entrambi i coniugi si dovranno ripresentare innanzi all'Ufficiale di Stato Civile per confermare o meno l'accordo sottoscritto;
  • 5)  la conferma dell'accordo farà decorrere gli effetti della separazione o divorzio dalla data della sua prima sottoscrizione;
  • La mancata comparizione equivarrà a mancata conferma dell'accordo.

Chi può procedere

  • Tutti gli interessati a ottenere gli effetti giuridici di separazione personale, di cessazione degli effetti civili del matrimonio, di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio, rientranti nella casistica citata sopra e che possono pertanto presentarsi innanzia all'Ufficiale dello Stato Civile.

Responsabilità

  • La firma e la presentazione dei moduli di dichiarazione sostitutiva di certificazioni comporta, in caso di dichiarazione mendace, responsabilità PENALI, ai sensi del D.P.R.445/2000.

Informazioni sull'eventuale pagamento

  • L'atto di separazione e divorzio consensuale comporta il pagamento di un diritto fisso. Vedi l'importo, fissato dalla Giunta Comunale, tra le tariffe dell'Ufficio Demografia e Statistica

Eventuali risultati delle indagini di customer satisfaction condotte sulla qualità del servizio erogato per il procedimento, con relativo andamento

Nessuna indagine effettuata sul procedimento.

Informazioni per la tutela del richiedente/destinatario del provvedimento

  • TERMINE FISSATO PER LA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO:vedi le tabelle relative ai procedimenti in carico ai Servizi comunali. In mancanza max 30 giorni dalla domanda di parte o dall'avvio d'ufficio.
  • IL PROVVEDIMENTO FINALE DEL COMUNE PUO' ESSERE SOSTITUITO DA UNA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'INTERESSATO?NO.
  • IL PROVVEDIMENTO FINALE DEL COMUNE PUO' CONCLUDERSI CON IL SILENZIO ASSENSO DEL COMUNE?NO.
  • STRUMENTI DI TUTELA NEI CONFRONTI DEL PROVVEDIMENTO FINALE: per sapere cosa è possibile fare, CLICCA QUI.
  • STRUMENTI DI TUTELA IN CASO DI RITARDO NELL'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO FINALE: per sapere cosa è possibile fare, CLICCA QUI.

Informazioni finali

Normativa: legge 898/1970art.6 del DL 132/2014 convertito con legge 10 novembre 2014, n. 162 
Responsabile di procedimento
Sostituto in caso di inerzia del responsabile di procedimento: Segretario Comunale.
Ufficio competente all'adozione del provvedimento finale (solo se diverso dal responsabile di procedimento)


Modulistica e regolamento