1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

Cultura: lunedì 04 aprile ore 21.00 nella Sala del Consiglio Comunale, la Fondazione Magnani Rocca si presenta

L'assessorato alla cultura vi invita a partecipare alla serata di presentazione dellaFondazione Magnani Rocca e della mostra attualmente in programma "Severini - l'emozione e la regola", quale occasione di approfondimento a carattere artistico aperto gratuitamente ai cittadini e agli studenti di Castelnovo di Sotto.

Relatore: Isotta Langiu in rappresentanza della Fondazione Magnani Rocca.
 
La Villa dei Capolavori ospita la prestigiosa collezione di Luigi Magnani che annovera, tra le altre, opere celeberrime di Gentile da Fabriano, Dürer, Tiziano, Rubens, Van Dyck, Goya e, fra gli autori più recenti, Monet, Renoir, Cézanne, De Chirico, Severini,Morandi, Burri, oltre a sculture di Canova, Bartolini, Manzù. Arredi Impero, già vanto di grandi dimore nobiliari europee, sottolineano la sontuosità dei saloni della Villa, dove ancora si coglie l'atmosfera di "casa vissuta", come era al tempo del Fondatore. L'altissima qualità delle opere e il criterio coltissimo evidente in ogni scelta costituiscono la cifra identitaria della collezione. Il vasto Parco ottocentesco, di impianto romantico, è la degna cornice di questo vero tempio dell'Arte.
Nel corso della serata sarà, inoltre, presentata la mostra attualmente in programma presso la Fondazione SEVERINI - L'EMOZIONE E LA REGOLA, a cura di  Daniela Fonti e Stefano Roffi, dedicata all'intera attività dell'artista attratto prima dalle rotture linguistiche dell'avanguardia e successivamente concentrato sulla ricerca di un equilibrio armonico, di ispirazione classica che caratterizzerà ogni successiva stagione, da quella, più rigorosa della misura aurea negli anni Venti e Trenta a quella pittoricamente più libera ed estroversa degli anni Quaranta, alle riprese neo-cubiste e neo-futuriste dei Cinquanta e Sessanta.