1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

TASI - Fabbricati rurali ad uso strumentale - Dichiarazione requisiti

Informazioni generali

  • COSA E'/IN COSA CONSISTE: è un procedimento finalizzato a ottenere la riduzione dell'aliquota dei fabbricati ad uso strumentale
  • DOVE RIVOLGERSI: ufficio tributi
  • MODALITA' DI RICHIESTA: compilare il MODULO allegato in fondo alla pagina o ritirabile presso l'ufficio tributi
 

Scadenza e applicazione del beneficio

  • l'istanza va presentata utlizzando il modello allegato in fondo alla pagina
  •  - il termine per fare la domanda: 31 dicembre
  • (SE NEGLI ANNI SCORSI E' STATA PRESENTATA E IL CONTRATTO NON E' IN SCADENZA LA RIPRESENTAZIONE VA EFFETTUATA NELL'ANNO IN CUI SCADE IL CONTRATTO).
  • Modalità di invio:
  • a mano presso l'ufficio protocollo del comune
  • mezzo fax al numero 0522/917302,
  • a mezzo posta certificata segreteria@unionepec.it
  • tramite servizio postale al seguente indirizzo: Unione Terra di Mezzo presso Comune di Castelnovo di Sotto - P.zza IV Novembre, 1 - 42024 Castelnovo di Sotto RE
 

In quali casi si può usufruire dell'agevolazione:

I fabbricati rurali strumentali sono quegli immobili che sono accatastati nella categoria D/10. Nel caso in cui siano iscritti nel catasto in categorie diverse, la caratteristica di ruralità deve risultare dagli atti catastali. (per maggiori informazioni vai al sito dell'Agenzia delle Entrate) Si precisa che le abitazioni cosiddette di lusso, e quindi accatastate nelle categoria A/1, A/8, A/9, in nessun caso possono essere considerate rurali strumentali.
L'art. 9 comma 3 del D.L. 557/1993 (conv. L. n. 133/94)disciplina in maniera dettagliata in quali casi viene riconosciuta la caratteristica di ruralità: «Ai fini fiscali deve riconoscersi carattere di ruralità:
-alle costruzioni strumentali necessarie allo svolgimento di attività agricola di cui all'articolo 2135 del codice civile e in particolare destinate:

-alla protezione delle piante;
-alla conservazione dei prodotti agricoli;
-alla custodia delle macchine agricole, degli attrezzi e delle scorte occorrenti per la coltivazione e l'allevamento;
all'allevamento e al ricovero degli animali;all'agriturismo;
-ad abitazione dei dipendenti esercenti attività agricole nell'azienda a tempo indeterminato o a tempo determinato per un numero annuo di giornate lavorative superiore a cento, assunti in conformità alla normativa vigente in materia di collocamento;
-alle persone addette all'attività di alpeggio in zona di montagna;

-ad uso di ufficio dell'azienda agricola;

-alla manipolazione, trasformazione, conservazione, valorizzazione o commercializzazione dei prodotti agricoli, anche se effettuate da cooperative e loro consorzi di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228;
-all'esercizio dell'attività agricola in maso chiuso.

La Tasi è a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile nella misura, rispettivamente, del 90% e del 10%, escluse le unità immobiliari destinate ad abitazione principale dal possessore nonché dall'utilizzatore e dal suo nucleo familiare, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

L'Ufficio verificherà la sussistenza dei requisiti. Nel casodovessero emergere elementi tali da non poter consentire l'agevolazione, siprovvederà al recupero dell'imposta non versata applicando le sanzioni e gliinteressi previsti in materia.

 

Note


Modulistica e regolamento