1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

Filodiffusione nel centro storico

E' ormai in via di completamento il progetto che punta a rendere sempre più Castelnovo Sotto una piccola "smart city". Dopo gli importanti passi in avanti in termini di sicurezza - con l'installazione di nuove telecamere e varchi nei punti strategici del centro storico - stanno per essere introdotte novità nel cuore del paese. Da lunedì 5 dicembre sarà resa attiva la filodiffusione lungo tutti i portici di via Gramsci: un nuovo modo di comunicare non soltanto musica, ma utile a veicolare anche e soprattutto messaggi di pubblica utilità, quando necessario. Uno scopo che potrà essere ulteriormente raggiunto grazie all'ormai prossima installazione di alcune vetrine interattive, che verranno collocate in alcuni negozi che hanno aderito al progetto. Anche in questo caso i dispositivi potranno trasmettere messaggi dell'Amministrazione comunale o del Comando di polizia municipale, dalle comunicazioni di protezione civile alla promozione di eventi del territorio fino anche alle promozioni commerciali.
In questo modo, il centro storico castelnovese arriva a configurarsi come un centro commerciale "a cielo aperto", con tutte le caratteristiche necessarie per essere ancora più attrattivo e vivibile. Tutti questi dispositivi (compresi quelli di sicurezza) saranno messi in collegamento tra loro tramite wi-fi: in questa piattaforma tecnologica confluiscono infatti le telecamere di videosorveglianza, il rilevatore di targhe e i dissuasori, che delimitano l'accesso al centro storico. Senza dimenticare l' "app"che permetterà ai commercianti di segnalare un furto. Il tutto rientra all'interno del progetto denominato "Castelnovo si-cura", studiato dall'Amministrazione comunale insieme al Comando del corpo di polizia municipale "Terra di mezzo" e al Servizio Politiche per la Sicurezza della Regione Emilia Romagna, che ha cofinanziato gli interventi.