1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

Il Carnevale castelnovese in delegazione a Melfi

Il Carnevale del Castlein come esempio virtuoso di manifestazione che viene allestita attraverso l'opera di soli volontari, e che ha anche importanti risvolti sociali. Questo il motivo della visita della scorsa settimana che ha visto una delegazione castelnovese invitata a Melfi (Potenza) dagli organizzatori del carnevale di questa località della Basilicata, una delle manifestazioni storiche più importanti del sud Italia che ha subìto una battuta d'arresto negli ultimi anni e che proprio dall'esperienza castelnovese intende trarre spunto per la ripartenza.
La delegazione castelnovese (composta dal sindaco Maurizio Bottazzi, dal presidente dell'associazione "Al Castlein Mario Mattioli, dal volontario e storico del Carnevale Vittorio Bartoli, dalla coordinatrice del Sap Maddalena Marzocchi, da Aman Bharath, referente del Sap che partecipa ai progetti con il Carnevale e l'utente Sap Pierluigi Carpi) è stata chiamata per raccontare il rapporto di collaborazione nato tra il Carnevale e il Sap, il Servizio di assistenza alla persona. Il Sap è il servizio comunale che offre la possibilità di inserimento nella rete sociale dei territori dell'Unione "Terre di Mezzo" (Castelnovo di sotto, Bagnolo in Piano e Cadelbosco di sopra) ai residenti, maggiorenni portatori di handicap, cognitivi o fisici, offrendo loro, attività ricreative di tempo libero. Alcuni di questi utenti, affiancati da due volontari, si incontrano settimanalmente da settembre a fine gennaio per ideare, progettare, creare, dipingere e decorare il carro con cui partecipare alla sfilata, vivendo così un'importante occasione di crescita e di stimolo.
Altra peculiarità del Carnevale castelnovese è la totale e costante partecipazione volontaria della cittadinanza. A partire dall'associazione di promozione sociale "Al Castlein" organizzatrice delle sfilate, la realtà del Carnevale castelnovese è resa possibile da oltre un secolo grazie alla rete diffusa di associazionismo volontario e di spontanea partecipazione di gruppi di cittadini. Il Carnevale castelnovese partecipa quindi attivamente, attraverso l'associazione "Al Castlein" alla vita istituzionale della città e si relaziona con tutte le altre realtà del terzo settore, facendosi promotrice di eventi che vanno al di là della semplice produzione carnevalesca tra cui, ad esempio, laboratori rivolti ai giovani degli istituti comprensivi della provincia.
A Melfi la delegazione è stata accolta con tutti gli onori, alla presenza anche di alcuni esponenti del Carnevale pugliese di Putignano, che da anni intrattiene importanti relazioni con quello di Castelnovo Sotto. "Ancora una volta - afferma il sindaco Maurizio Bottazzi - il Carnevale del Castlein viene preso come esempio virtuoso tra i Carnevali d'Italia per le sue caratteristiche uniche. Siamo molto orgogliosi di questa realtà e per questo mi sento di invitare tutta la provincia a prendere parte a questa manifestazione che si ripete da oltre 130 anni: crediamo sia giunto il momento di allargare i nostri confini, e riteniamo che il Carnevale "del Castlein" debba sempre più essere il Carnevale di tutta la provincia reggiana. L'invito, ad amministrazioni e gruppi volontari di mettersi in contatto con la nostra amministrazione o con l'associazione "Al Castlein" per partecipare e rendere sempre più ricco questo tradizionale evento che ci caratterizza in tutta Italia".