1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

Insegne di esercizio, insegne pubblicitarie e cartellonistica su edifici/aree di privati

Richiesta Autorizzazione collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse

COSA E'/IN COSA CONSISTE:
 
La collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse è soggetta ad autorizzazione da parte dell'ente proprietario della strada nel rispetto delle norme dettate da Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285 "Nuovo codice della strada", e dal DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 dicembre 1992, n. 495 "Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada".

I cartelli, le insegne d'esercizio e gli altri mezzi pubblicitari devono avere sagoma regolare e la loro collocazione deve rispettare i criteri di un corretto ed equilibrato inserimento, sia ambientale che architettonico.

Le insegne a bandiera sono consentite solo per gli esercizi di pubblico interesse (farmacie e tabaccherie) secondo disciplina particolareggiata del Centro Storico.


Tav. n. 5 PRG, VIABILITA' E CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE

Documentazione

La richiesta di autorizzazione, in carta legale, o resa legale, deve contenere:

a.- l' indicazione delle generalità, della residenza, del codice fiscale del  richiedente se persona fisica; della ragione sociale, sede legale, codice fiscale  della Ditta o persona giuridica, nonché le generalità e l' indirizzo del  rappresentante fiscale;

b.- un elaborato tecnico in scala con l' ubicazione esatta del luogo ove si intende  installare l' impianto, da cui possa ricavarsi la superficie dell' area o della  porzione di fabbricato interessata;

c. - la descrizione tecnica dell' impianto o del tipo di cartello o insegna con l' indicazione se trattasi di mezzo luminoso o illuminato, e corredata da un bozzetto del mezzo pubblicitario quotato e dal quale si rilevino i colori;

d. - la documentazione fotografica che chiarisca il punto preciso di installazione in  relazione all' ambiente circostanze;

e - qualora si intenda installare l' impianto su suolo pubblico, dovrà essere altresì richiesta l'apposita concessione di suolo pubblico che sarà assoggettata alla tassa  di occupazione spazi ed aree pubbliche.

f. - Qualora si intenda installare l'impianto su suolo o su edificio privato non in proprietà, dovrà essere fornita dimostrazione dell' ottenimento o del possesso della disponibilità dell'area o della porzione di fabbricato interessati.

Dovrà essere allegata la seguente documentazione : 

01 ) Copia fotostatica del documento di identità [obbligatoria qualora la pratica ed i relativi allegati  vengano  inviati tramite posta e siano privi di firma digitale.   

02 ) Copia del permesso di soggiorno   [per cittadini extracomunitari]

03) Nulla osta dell'Ente proprietario della strada   se diverso dal Comune o richiesta di acquisizione del nulla osta  da parte del comune;

04) Parere della Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici se l'insegna è collocata in area vincolata.
 
Entro il termine di 60 gg. dalla presentazione della richiesta, completa della  prescritta documentazione, verrà rilasciata l' autorizzazione all' installazione, oppure verrà data comunicazione motivata del diniego al rilascio.

L' Ufficio Tecnico comunale potrà sottoporre le richieste presentate all' esame della Commissione per la Qualità Architettonica ed il Paesaggio qualora siano di particolare impatto ambientale.

Il termine di cui al comma 1 è sospeso nel caso di incompletezza della  documentazione richiesta.
Qualora la pubblicità sia effettuata su spazi ed aree pubbliche appartenenti al  demanio o al patrimonio indisponibile del Comune, il pagamento dell' imposta di pubblicità non esclude il pagamento della tassa di occupazione di spazi ed aree  pubbliche.

L' autorizzazione si intende rilasciata a condizione che il richiedente provveda alla  periodica manutenzione del relativo impianto. Conseguentemente il Comune ha  facoltà di chiedere quei lavori di pulizia, verniciatura e sostituzione e in genere di  manutenzione, che saranno ritenuti necessari per mantenere i mezzi pubblicitari in buono stato, secondo le esigenze del decoro cittadino.

In caso di mancata ottemperanza delle suindicate prescrizioni, l' autorizzazione si intende revocata, senza che l' utente abbia diritto a compensi o indennità di sorta.

Nel caso di mancata installazione nel termine di 6 mesi, l' autorizzazione decade. Potrà essere riattivata previa presentazione di nuova istanza, nei modi indicati nel  precedente articolo.

L' autorizzazione non sostituisce la dichiarazione di cui all' art. 8 comma 1 del D. LGS. 507 / 1993, che deve essere comunque e sempre presentata ai fini del pagamento dell'imposta sulla pubblicità.

L' esposizione dei mezzi pubblicitari è consentita senza il rilascio della prescritta  autorizzazione nei casi di esposizione di targhe professionali di formato non superiore a cm. 40 x 40, di locandine, targhe o scritte su veicoli in genere, di pubblicità relativa a vendite e locazione di immobili posta sui fabbricati in vendita,  fermo restando l' obbligo tributario di cui al comma 7 del presente articolo, e fatte salve altre normative che prevedano esplicitamente la autorizzazione.



A chi è rivolto

Al titolare della ditta o chiunque ne sia delegato.

Quanto costa

La domanda va corredata di una marca da bollo da 16,00 Euro, per ogni 4 fogli salvo i casi di esenzione previsti dalla legge.
Anche per il rilascio del provvedimento finale è previsto il pagamento dell'imposta di bollo di 16,00 Euro, attraverso il modulo "dichiarazione assolvimento imposta bollo" o con presentazione delle marche da bollo in caso di rilascio cartaceo .
Per tutti gli atti e provvedimenti amministrativi rilasciati per via telematica, l'imposta di bollo è dovuta nella misura forfettaria di 16,00 Euro, a prescindere dal numero dei fogli (comma 592, Legge di Stabilità n. 147/2013).


Dove rivolgersi

La domanda per ottenere l'autorizzazione su EDIFICI ED AREE PRIVATE prospettanti strade comunali o strade provinciali all'interno del centro abitato, indirizzata allo  Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP) del comune deve essere presentata  via mail ordinaria o P.E.C .
Lo SUAP  provvederà  a fornire indicazioni in merito alla sua corretta compilazione ed all'istruttoria tecnica  al rilascio della autorizzazione.

La domanda per ottenere l'autorizzazione su EDIFICI ED AREE PUBBLICHE prospettanti strade comunali o   strade provinciali all'interno del Centro abitato, indirizzata al Servizio Patrimonio dell'Unione Terra di Mezzo via mail ordinaria o P.E.C .

CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO:
Rilascio della autorizzazione


Informazioni per la tutela del richiedente/destinatario del procedimento

TERMINE FISSATO PER LA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO: è di 60 giorni come da regolamento comunale.
IL PROVVEDIMENTO FINALE DEL COMUNE PUO' ESSERE SOSTITUITO DA UNA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'INTERESSATO? NO.
IL PROVVEDIMENTO FINALE DEL COMUNE PUO' CONCLUDERSI CON UN SILENZIO/ASSENSO DA PARTE DEL COMUNE?NO.
STRUMENTI DI TUTELA IN CASO DI RITARDO NELL'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO FINALE: per sapere cosa è possibile fare

Informazioni finali

Responsabile di procedimento
Arch. Luciano Mattioli
ediliziaprivata@comune.castelnovo-di-sotto.re.it
Sostituto in caso di inerzia del responsabile di procedimento:
Segretario Comunale.


Normativa


Modulistica