1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

COMUNICAZIONE DI MESSA IN ESERCIZIO DI ASCENSORI MONTACARICHI E APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (Art. 12 del D.P.R. 162 del 30-04-1999)

 COS'E' ED IN COSA CONSISTE

  1. La messa in esercizio degli ascensori, montacarichi e apparecchi  di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui  velocita' di spostamento non supera 0,15 m/s e' soggetta a  comunicazione, da parte del proprietario o del suo legale rappresentante, al comune competente per territorio o alla provincia  autonoma competente secondo il proprio statuto.

 2. La comunicazione di cui al comma 1, da effettuarsi entro sessanta giorni dalla data della dichiarazione di conformita' dell'impianto di cui all'articolo 4-bis, comma 2, del 
regolamento ovvero all'articolo 3, comma 3, lettera e), del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 17, e contiene:

a) l'indirizzo dello stabile ove e' installato l'impianto;

 b) la velocita', la portata, la corsa, il numero delle fermate e  il tipo di azionamento;

 c) il nominativo o la ragione sociale dell'installatore dell'ascensore o del fabbricante del montacarichi o dell'apparecchio  di sollevamento rispondente alla definizione di ascensore la cui  velocita' di spostamento non supera 0,15 m/s, ai sensi dell'articolo  3, comma 3, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 17;

 d) la copia della dichiarazione di conformita' di cui all'articolo 4-bis, comma 2), del regolamento ovvero all'articolo 3, comma 3, lettera e), del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 17;

 e) l'indicazione della ditta, abilitata ai sensi del decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37, cui il proprietario ha affidato la manutenzione dell'impianto, che abbia accettato l'incarico;

 f) l'indicazione del soggetto incaricato di effettuare le ispezioni periodiche sull'impianto, ai sensi dell'articolo 13, comma 1, che abbia accettato l'incarico.

2-bis. Quando la comunicazione di cui al comma 1 e' effettuata  oltre il termine di sessanta giorni, la documentazione di cui al  comma 2 e' integrata da un verbale di verifica straordinaria di attivazione dell'impianto.

3. L'ufficio competente del comune assegna all'impianto, entro  trenta giorni, un numero di matricola e lo comunica al proprietario o  al suo legale rappresentante dandone contestualmente notizia al  soggetto competente per l'effettuazione delle verifiche periodiche.

4. Quando si apportano le modifiche costruttive di cui all'articolo  2, comma 1, lettera cc del regolamento, il proprietario, previo adeguamento  dell'impianto, per la parte modificata o sostituita nonche' per le  altre parti interessate alle disposizioni del presente regolamento,  invia la comunicazione di cui al comma 1 al comune competente per  territorio nonche' al soggetto competente per l'effettuazione delle  verifiche periodiche.

 5. E' fatto divieto di porre o mantenere in esercizio impianti per  i quali non siano state effettuate, ovvero aggiornate a seguito di  eventuali modifiche, le comunicazioni di cui al presente articolo.

6. Ferme restando in capo agli organi competenti le funzioni di  controllo ad essi attribuite dalla normativa vigente, e fatto salvo  l'eventuale accertamento di responsabilita' civile, nonche' penale a carico del proprietario dell'immobile e/o dell'installatore e/o del  fabbricante, il comune ordina l'immediata sospensione del servizio in caso di inosservanza degli obblighi imposti dal presente regolamento.

7. Gli organi deputati al controllo sono tenuti a dare tempestiva comunicazione al comune territorialmente competente dell'inosservanza degli obblighi imposti dal presente regolamento rilevata nell'esercizio delle loro funzioni.


COSTI
Il numero di matricola viene rilasciato, senza alcun costo, entro 30 giorni dalla presentazione della documentazione richiesta e deve obbligatoriamente essere esposto, su targhetta metallica, all'interno della cabina






Dove rivolgersi

La comunicazione può essere presentata  via mail ordinaria o P.E.C o consegnata direttamente al protocollo del Comune .
Lo Sportello Unico dell'edilizia   provvederà  a comunicare eventuali  indicazioni in merito alla  corretta compilazione,d all'istruttoria tecnica  ed al rilascio del numero di matricola.



Informazioni per la tutela del richiedente/destinatario del procedimento

TERMINE FISSATO PER LA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO: è di 30 giorni come da regolamento .
IL PROVVEDIMENTO FINALE DEL COMUNE PUO' ESSERE SOSTITUITO DA UNA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'INTERESSATO? NO.
IL PROVVEDIMENTO FINALE DEL COMUNE PUO' CONCLUDERSI CON UN SILENZIO/ASSENSO DA PARTE DEL COMUNE?NO.
STRUMENTI DI TUTELA IN CASO DI RITARDO NELL'ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO FINALE: per sapere cosa è possibile fare

Informazioni finali

Responsabile di procedimento
Arch. Luciano Mattioli
ediliziaprivata@comune.castelnovo-di-sotto.re.it
Sostituto in caso di inerzia del responsabile di procedimento:
Segretario Comunale.


Normativa


Modulistica