1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

Ristrutturazioni, modifiche e/o ampliamenti. Imponibilità ai fini dell'imposta

Informazioni generali

  • COSA E': è una modalità di tassazione degli immobili, in base all'art. 5 del D.Lgs. 504/92 comma 6, sottoposti a interventi di restauro e risanamento conservativo [lett. c) art. 31 L. 457/78] - interventi di ristrutturazione edilizia [lett. d) art. 31 L. 457/78] - interventi di ristrutturazione urbanistica [lett. e) art. 31 L. 457/78]
  • DOVE RIVOLGERSI: ufficio tributi
  • TEMPI DI RISPOSTA: vedi le tabelle relative ai procedimenti in carico ai Servizi comunali. In mancanza max 30 giorni.
  • AVVERTENZA: L'articolo della normativa  testualmente cita: OMISSIS ... " In caso di utilizzazione edificatoria dell'area, di demolizione di fabbricato, di interventi di recupero a norma dell'articolo 31, comma 1, lettere c), d) ed e), della Legge 5/08/1978, n° 457, la base imponibile è costituita dal valore dell'area, la quale è considerata fabbricabile anche in deroga a quanto stabilito nell'articolo 2, senza computare il valore del fabbricato in corso d'opera, fino alla data di ultimazione dei lavori di costruzione, ricostruzione o ristrutturazione ovvero, se antecedente, fino alla data in cui il fabbricato costruito, ricostruito o ristrutturato è comunque utilizzato".

Requisiti del richiedente

  • Quanto sopra indicato porta il contribuente a dover considerare imponibile, in base alla rendita effettiva o proposta, il fabbricato da sottoporre a lavori di restauro, risanamento, ricostruzione o ristrutturazione fino alla data di inizio lavori (rilevata dall'apposita comunicazione fatta al comune). Successivamente, dalla data di inizio lavori, si dovrà considerare imponibile l'area fabbricabile e non più il fabbricato per poi tornare a considerare il fabbricato ricostruito, ristrutturato ecc.. imponibile, con una rendita effettiva o presunta, a decorrere dalla data di ultimazione dei lavori o da quella di effettivo utilizzo se antecedente rispetto alla fine dei lavori.
  • Per determinare i periodi esatti da dichiarare con apposita denuncia di variazione, da presentare nell'anno successivo rispetto a quello in cui si verificano gli eventi (inizio lavori/fine lavori con passaggio da fabbricato ad area fabbricabile e viceversa), può risultare utile evidenziare che, ai fini dell'imposta, - Versamenti e dichiarazioni - indica il seguente criterio: "il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni è computato per intero". Ad esempio: un fabbricato posseduto dal 01/01/2010 e sottoposto a lavori di ristrutturazione dal 25/02/2010 (data inizio lavori) verrà considerato come fabbricato imponibile per 2 mesi e per i restanti 10 come area fabbricabile. Se l'anno successivo i lavori vengono ultimati (o l'immobile viene utilizzato) dal giorno 27/03/2011, l'anno d'imposta 2011, sarà calcolata per  3 mesi come area fabbricabile mentre i restanti 9 mesi come fabbricato (per le singole unità immobiliari realizzate) secondo la rendita proposta appropriata alle nuove caratteristiche fisiche dell'immobile.
  • Si devono obbligatoriamente utilizzare le tabelle dei valori medi di mercato delle aree edificabili.

Documentazione da presentare

  • Dichiarazione di variazione

IMPORTANTE

  • Può essere ritirata presso l'ufficio edilizia privata una nota informativa per le persone che richiedono un permesso di concessione edilizia e/o una DIA per interventi edilizi , in modo da evitare l'errore ricorrente di considerare l'immobile inagibile/ inabitabile durante il periodo di effettuazione degli interventi di recupero. (ulteriori informazioni possono essere richieste all'ufficio tributi).

Note

 

Modulistica e regolamenti