1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto

Comune di Castelnovo di Sotto - Testata per la stampa
Contenuto della pagina

IMU - TASI Ravvedimento Operoso (Ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 472/97, successive modifiche ed integrazioni e dell'art. 9-Bis del vigente Regolamento Generale delle Entrate in vigore)

Informazioni generali

COSA E':  il "Ravvedimento Operoso" è un procedimento che consente al contribuente di regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni.
Il ravvedimento è consentito a tutti i contribuenti. Prima delle modifiche introdotte dalla legge di Stabilità per il 2015, per poterne usufruire occorreva rispettare determinati limiti di tempo ed era necessario che:
- la violazione non fosse già stata constatata e notificata
- a chi l'avesse commessa non fossero iniziati accessi, ispezioni e verifiche
- non fossero iniziate altre attività di accertamento (notifica di inviti a comparire, richiesta di esibizione di documenti, invio di questionari) formalmente comunicate all'autore.
Tali preclusioni non operano più e il ravvedimento è inibito solo dalla notifica degli atti di liquidazione e di accertamento.
In ogni caso, il pagamento e la regolarizzazione non precludono l'inizio o la prosecuzione di accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo e accertamento.

A CHI RIVOLGERSI: Ufficio Tributi

Come procedere in caso di "omesso versamento del tributo" e relative sanzioni

Omesso versamento del tributo e sanzioni
Nel caso il Contribuente non abbia provveduto ad effettuare il versamento dell'IMU entro le scadenze previste, è possibile effettuare il versamento tardivo applicando all'imposta dovuta e non versata le sanzioni e gli interessi.

Se ilversamento vieneeffettuato:
entro il quattordicesimo giorno dalla data di scadenza, la sanzione è pari al 0,1% (1/10 dell'1%)giornaliero per ogni giorno di ritardo. Ad esempio se la regolarizzazione avviene il quarto giorno la sanzione sarà pari a:0,1% x 4 =0,4%, se la regolarizzazione avviene il quattrodicesimo giorno la sanzione sarà pari a: 0,1% x 14 =1,4%

dal quindicesimo giorno dalla normale scadenza ed entro 30 giorni dalla stessa la sanzione è pari al 1,5% (1/10 del 15%).

oltre il trentesimo giorno dal termine fissato per il versamento ed entro 90 giorni dal medesimo termine la sanzione è pari al 1,67% (1/9 del 15%).

oltre il novantesimo giorno dal termine fissato per il versamento ed entro un anno dal medesimo termine la sanzione è pari al 3,75% (1/8 del 30%).

oltre un anno dal termine fissato per il versamento ed entro due anni dal medesimo termine
la sanzione è pari al 4,29% (1/7 del 30%).

oltre due anni dal termine fissato per il versamento
la sanzione è pari al 5% (1/6 del 30%).

Sull'imposta dovuta (al netto delle sanzioni) vanno poi calcolati gli interessi in funzione dei giorni intercorrenti tra il termine di legge entro cui doveva essere eseguito il versamento e la data in cui si esegue la regolarizzazione.
Per il calcolo occorre tener conto delle seguenti percentuali d'interesse:
2,5% annuo dal 01/01/2012 al 31/12/2013
1% annuo dal 01/01/2014 al 31/12/2014
0,5% annuo dal 01/01/2015 al 31/12/2015
0,2% annuo a partire dal 01/01/2016
0,1% annuo a partire dal 01/01/2017
0,3% annuo a partire dal 01/01/2018
0,8% annuo a partire dal 01/01/2019

Per le ulteriori casistiche relative a ridotti od omessi versamenti in presenza di dichiarazione infedele od omessa si consiglia di consultare il modello di ravvedimento accessibile dalla presente scheda.


Il contribuente che intende sanare la violazione dovrà munirsi di un modello F24 per il versamento e compilarlo secondo le istruzioni allegate al modello e procedere al calcolo del ravvedimento
Una volta effettuato il versamento tardivo occorre comunicare all'ufficio l'avvenuto pagamento a sanatoria, utilizzando l'apposito modello al quale dovrà essere allegata la fotocopia della ricevuta di versamento (modello ravvedimento operoso)
Al contribuente che pur avendo versato in ritardo l'imposta non ha effettuato il versamento comprensivo della sanzione ridotta e degli interessi, verrà inviato, nei termini di legge, un atto di liquidazione d'imposta con l'applicazione dell'intera sanzione e degli interessi previsti.

Note

  • Normativa: il "Ravvedimento Operoso" è regolato dall'articolo 13 del Decreto Legislativo n° 472/97 (come modificato dal D.L. n° 185 del 29/11/2008, pubblicato sulla G.U. n° 280 del 29/11/2008, e dall'articolo 1, comma 20, Legge n° 220/2010), dalla circolare delle Finanze n° 184/E del 13/07/98 e ampliata dal comma 637 art. 1 Legge 190/2014
  • Responsabile di procedimento

Modulistica, codici e approfondimenti